venerdì 9 giugno 2017
Home » Notizie economiche » Pensioni: 245 euro in più rispetto al 2013
Pensioni: 245 euro in più rispetto al 2013
Pensioni: 245 euro in più rispetto al 2013

Pensioni: 245 euro in più rispetto al 2013

Pensioni: 245 euro in più rispetto al 2013

Istat e l’Inps tornano a dare i numeri per fotografare lo stato delle pensioni degli italiani. Ed è un quadro pieno di contraddizioni.

L’anno scorso sono state erogate 23,2 milioni di prestazioni a 16,3 milioni di pensionati, circa 134 mila in meno rispetto al 2013.
L’importo medio annuo degli assegni, però, cresce: 11.943 euro, 245 euro in più rispetto al 2013 (+2,1%).
In alcuni casi, infatti, uno stesso pensionato può contare anche su più di una pensione.

Pensioni: i doppi assegni pensionistici

In Italia risulta titolare di un doppio assegno pensionistico oltre una persona su quattro.
Il 25,4% percepisce due assegni, si tratta di più di 4 milioni di individui. E c’è anche una quota, pari al 7,8%, che gode di tre o più entrate.

Se si guarda però al reddito dei pensionati, che può derivare da una somma di prestazioni in capo a una stessa persona, si scopre che quello dei nuovi entrati nel sistema previdenziale è nettamente più basso di chi già c’era.
Gli effetti della riforma Fornero non si vedono solo sugli assegni più sottili dei nuovi pensionati, ma anche nel numero di chi è andato in pensione: tra il 2011 e il 2014 è diminuito di oltre 400 mila unità.
Una parte consistente della popolazione più anziana (6,5 milioni) “arranca”: il 40,3% dei pensionati percepisce, infatti, un reddito da pensione inferiore a mille euro al mese, un ulteriore 39,1% tra mille e 2 mila euro. Il 14,4% riceve tra 2 mila e 3 mila euro.

Le divisioni aumentano.

Un’indagine di Bankitalia rivela inoltre che il 5% delle famiglie italiane più ricche, con un patrimonio di 1,3 milioni a nucleo deteneva al 2014 oltre il 30% della ricchezza complessiva

Pensioni di vecchiaia oltre i due terzi

Le pensioni di vecchiaia assorbono oltre i due terzi (70%) della spesa pensionistica totale; seguono quelle ai superstiti (14,9%) e le pensioni assistenziali (8,0%).
Più contenuto il peso di quelle di invalidità (5,6%) e delle indennitarie (1,6%).
In media ognuno percepisce 17.040 euro all’anno (403 euro in più rispetto al 2013).

Pensioni e donne

Le donne rappresentano il 52,9% dei pensionati e percepiscono in media 14.283 euro (contro 20.135 euro degli uomini).
La metà delle donne (49,2%) riceve meno di mille euro al mese, a fronte di un terzo (30,3%) degli uomini.

Nel 2014 la spesa per le prestazioni pensionistiche ha superato i 277 miliardi di euro: l’incidenza sul Pil è cresciuta di 0,2%.

Voto
Ti è stato utile?
[Media: 0]

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Trading online: guida al trading, consigli utili e corsi gratis per guadagnare con il trading online

Copyright © 2013 - 2017
Riproduzione Vietata faretradingonline.eu - Sito / blog dedicato al trading online