venerdì 15 settembre 2017
Home » Notizie economiche » Non studiano né lavorano, sono Neet il 41,4% dei giovani
Non studiano né lavorano, sono Neet il 41,4% dei giovani
Non studiano né lavorano, sono Neet il 41,4% dei giovani

Non studiano né lavorano, sono Neet il 41,4% dei giovani

Non studiano né lavorano, sono Neet il 41,4% dei giovani

LA RICERCA DI EUROSTAT SUI NEET

Non studiano né lavorano, record in Sicilia, spasso il 41,4% dei 18-24 enni contro una media europea del 15,2%.

Si chiamano «neet» (dall’inglese «not (engaged) in education, employment or training»), sono i giovani fra i 18 e i 24 anni che non studiano e non cercano lavoro: in Italia sono il 26%, record della Ue, dove la media è del 15,2%.
E la terz’ultima posizione fra oltre 200 regioni europee spetta alla Sicilia, con un dato del 41,4%. Inferiore solamente a quelli registrati per la Guyana francese (44,7%), che poi è ai Caraibi, e per la regione bulgara di Severozapaden (46,5%).
Lo rileva Eurostat, evidenziando un enorme divario fra il tasso di «neet» nel Mezzogiorno (36,6%) e nel Nord-Est italiano (16%), dove si trovano le tre regioni con le percentuali più basse di giovani inoccupati: Provincia autonoma di Bolzano (10,2%), Veneto (15,8%) ed Emilia Romagna (16%).

L’Italia è anche il Paese con il maggior numero di regioni dove meno di un giovane laureato su due ha un lavoro.

Nella Uel, il 71,4% di chi ha terminato l’università trova un’occupazione; in Italia solo il 44,2%, nel Mezzogiorno il 26,7%, maglia nera la Calabria (20,3%, comunque in miglioramento di oltre 2 punti percentuali in due anni).

SALARIO MINIMO

«Ulteriore conferma del fallimento delle politiche economiche del governo », tuona la Cgil, mentre Tito Boeri, presidente dell’Inps, rilancia la richiesta al governo di introduzione di un minimo salariale legale per tutti i lavoratori che sostituisca i contratti nazionali.
Secondo Boeri, una riforma del sistema contrattuale potrebbe far aumentare il livello di occupazione e ridurre anche il fenomeno dei «neet».
In Germania il salario minimo mensile è pari a 1.498 euro mentre in Francia si attesta su 1.480 euro.

Nella Ue, in media, il 71,1% dei cittadini fra i 20 e i 64 anni nel 2016 aveva un lavoro. La percentuale crolla al 44,3% in Puglia, al 41,2% in Campania, al 40,1% in Sicilia.

Voto
Ti è stato utile?
[Media: 0]

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Trading online: guida al trading, consigli utili e corsi gratis per guadagnare con il trading online

Copyright © 2013 - 2017
Riproduzione Vietata faretradingonline.eu - Sito / blog dedicato al trading online

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com