lunedì 10 luglio 2017
Home » Notizie economiche » M5S, al voto col sistema proporzionale tedesco
M5S, al voto col sistema proporzionale tedesco
Beppe Grillo, garante m5s

M5S, al voto col sistema proporzionale tedesco

M5S, al voto col sistema proporzionale tedesco

Hanno partecipato alla votazione online del M5S 29.005 iscritti certificati, 27.473 hanno votato sì e 1.532 no».
La base grillina ha approvato ieri online «il proporzionale tedesco con soglia di sbarramento al 5% ed eventuali correttivi, costituzionalmente legittimi ». E lo stesso Grillo annuncia: «È una legge elettorale costituzionale, la prima ad esserlo dopo la vergogna del Porcellum e dopo il pastrocchio dell’Italicum.
Si voti il 10 settembre ».
Cioè prima del 15 settembre, prima che i parlamentari maturino i vitalizi, sui quali l’M5S vuole dare battaglia. Anche se Grillo denuncia «l’alleanza pre e post elettorale fra Renzi e Berlusconi», si avvicina quindi la soluzione del rebuslegge elettorale, che è entrato nel vivo in Commissione Affari Costituzionali dopo la presentazione di 417 emendamenti.
Del resto, l’intesa sul sistema tedesco puro con elezioni anticipate in autunno, larghe intese se chi vince non avesse i numeri per governare e la manovra economica come primo punto del programma sono le tappe fissate da Matteo Renzi ieri, in un’intervista al Messaggero.
L’ex premier è comunque convinto che un accordo a tre Pd, M5S e Forza Italia sulla legge elettorale sia possibile, assecondando così il monito del Quirinale, un mese fa («Il Parlamento approvi presto la legge elettorale»).

Ma l’idea di Renzi, che non vedrà per ora Berlusconi, è quella di accelerare.
Oggi comincia il valzer dei contatti fra i partiti. I dem vedranno Mdp, Sinistra Italiana e M5S, domani Forza Italia. Se la soglia di sbarramento resta al 5%, Ap non tratta. Con un accordo ampio, l’idea è fare in fretta.
Si comincia a votare mercoledì, dopo la direzione dem.
Entro il 5 il voto finale in Commissione, poi il via libera di Montecitorio per il 7 o l’8 giugno, prima delle amministrative.
E se Renzi aveva indicato entro fine luglio la deadline per l’ok del Senato, il semaforo verde potrebbe arrivare anche a fine giugno.

Voto
Ti è stato utile?
[Media: 0]

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Trading online: guida al trading, consigli utili e corsi gratis per guadagnare con il trading online

Copyright © 2013 - 2017
Riproduzione Vietata faretradingonline.eu - Sito / blog dedicato al trading online