giovedì 13 luglio 2017
Home » Notizie economiche » La Grecia paga Bce e Fmi, banche aperte ma sale l’Iva
La Grecia paga Bce e Fmi, banche aperte ma sale l’Iva

La Grecia paga Bce e Fmi, banche aperte ma sale l’Iva

La Grecia paga Bce e Fmi, banche aperte ma sale l’Iva

Atene rimborsa i primi 6,2 miliardi Code agli sportelli, limitati i prelievi. L’aliquota va al 23%

La Grecia ha cominciato il ritorno alla normalità, pagando i debiti grazie al prestito ponte dell’Ue (7,16 miliardi).

Due miliardi di euro restituiti all’Fmi e 4,2 alla Bce (di cui 700 di interessi).

Ora il prossimo passo sarà quello di negoziare il terzo pacchetto di aiuti da 86 miliardi.

La Borsa rimane chiusa fino a data da destinarsi. Le banche, ferme dal 29 giugno, hanno, invece, riaperto ieri.

File ordinate e tanta voglia di quotidianità. Le difficoltà per il popolo greco sono, però, appena iniziate.

I correntisti potranno ritirare al massimo 420 euro al giorno.

Restano vietate le transazioni verso l’estero, tranne i bonifici agli studenti che vivono oltreconfine o i pagamenti a strutture o servizi sanitari all’estero. Paletti anche sull’uso di carte di credito e bancomat in un altro paese.

I limiti restano ben saldi per evitare la corsa agli sportelli, che lo stesso governatore Mario Draghi ha indicato come eventualità «da scongiurare a tutti i costi». Il contraltare a questo parziale sollievo per la popolazione arriva dall’effettivo incremento dal 13 al 23% dell’Iva su molti beni di prima necessità, come alcuni tipi di carne, oli da cucina, caffè, tè, cacao, aceto, sale, fiori, legna, fertilizzanti, insetticidi, assorbenti e preservativi. I servizi colpiti dalla «nuova aliquota» includono ristoranti e caffè, onoranze funebri, taxi e scuole di lingua. La nuova norma dovrebbe far recuperare al governo 1 miliardo di euro.

Si moltiplicano, intanto, gli appelli del ministri ai dissidenti di Syriza in nome dell’unità nazionale per il voto di domani sulle riforme previste dall’accordo con i creditori internazionali.

Il parlamento greco è chiamato ad approvare la riforma del codice civile e del sistema bancario chieste da Bruxelles, ma non affronterà ancora il tema delle pensioni e delle tasse sugli agricoltori.

Il clima si annuncia rovente anche all’esterno. Già si temono nuovi scontri in piazza, come quelli di una settimana fa.

Voto
Ti è stato utile?
[Media: 0]

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Trading online: guida al trading, consigli utili e corsi gratis per guadagnare con il trading online

Copyright © 2013 - 2017
Riproduzione Vietata faretradingonline.eu - Sito / blog dedicato al trading online

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com