martedì 11 luglio 2017
Home » Notizie economiche » Istat, la scomparsa della classe operaia
Istat, la scomparsa della classe operaia
istat

Istat, la scomparsa della classe operaia

Istat, la scomparsa della classe operaia

Potrebbe sembrare l’elenco dell’ovvio. Un paese più vecchio, ma con 7 giovani con meno di 35 anni su 10 ancora a casa con i genitori e senza più classi sociali: un unico, enorme, informe calderone di insoddisfazioni e speranze tradite.
Eppure, leggere l’annuale rapporto Istat presentato ieri fa il suo effetto.

L’Italia schiacciata da dinamiche socioeconomiche globali non riesce a risolvere i suoi problemi pur conoscendoli benissimo.
La classe operaia e il ceto medio «sono sempre state le più radicate nella struttura produttiva del nostro Paese» ma «oggi la prima ha abbandonato il ruolo di spinta all’equità sociale mentre la seconda non è più alla guida del cambiamento e dell’evoluzione sociale» si legge.

Istat, ci sono solo i ricchi e i poveri

L’Istat giunge alle sue conclusioni dopo aver diviso il paese in nove gruppi in base a reddito, titolo di studio, cittadinanza.
Il risultato è la perdita dell’identità di classe, la scomparsa di quella operaia, l’assottigliamento del ceto mediobasso, l’emergere di famiglie dove il reddito principale è quello di un pensionato. Interi segmenti di popolazione «non rientrano più nelle classiche partizioni»: si pensi ai giovani con alto titolo di studio ma precarizzati o agli immigrati cui non viene riconosciuto il titolo di studio conseguito.

Istat, sono 3,6 milioni le famiglie senza reddito da lavoro

Alcuni dati fanno paura: 3,6 milioni famiglie vivono senza un reddito da lavoro; 6,4 milioni di persone carcano lavoro inutilmente, mentre i benestanti (dirigenti e famiglie di impiegati) hanno una capacità di spesa doppia rispetto agli ultimi, le “famiglie a basso reddito con stranieri”. «È una Italia sempre più diseguale, dove si allunga la forbice tra ricchi e poveri e con l’ascensore sociale che funziona solo verso il basso.

Questo è il quadro che delinea il Rapporto su cui tutti farebbero bene a riflettere» chiosa sconsolata la segretaria della Cisl, Annamaria Furlan.

Voto
Ti è stato utile?
[Media: 0]

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Trading online: guida al trading, consigli utili e corsi gratis per guadagnare con il trading online

Copyright © 2013 - 2017
Riproduzione Vietata faretradingonline.eu - Sito / blog dedicato al trading online