giovedì 13 luglio 2017
Home » Notizie economiche » Istat : il Pil sceso ancora, economia resta ai livelli del 2000
Istat : il Pil sceso ancora, economia resta ai livelli del 2000
istat

Istat : il Pil sceso ancora, economia resta ai livelli del 2000

Istat : il Pil sceso ancora, economia resta ai livelli del 2000

Per l’Istat tredicesimo trimestre senza crescita: -0,1% Migliora l’export.

In Europa dati positivi per la Germania.

Il numero tredici non porta bene all’Italia, almeno secondo i dati Istat.

Per il tredicesimo trimestre consecutivo non si è avuta crescita. Prodotto interno lordo italiano a -0,1% nel terzo trimestre 2014, -0,4% tendenziale sul 2013. Solo nel terzo trimestre dello scorso anno e nel primo di quello in corso, su base congiunturale, il Pil fece registrare crescita zero.

In questo scenario, per i tecnici dell’Istat l’economia italiana è «ai livelli del 2000». Mentre i consumi hanno mostrato recentemente una stabilizzazione legata a un reddito reale disponibile sostenuto dall’assenza di inflazione, gli investimenti rimangono la nota più stonata tra le componenti del Pil italiano. Un piccolo aiuto arriva dall’export e dal settore marittimo.

Con 180 mila imprese censite a fine 2013 e 800 mila occupati, l’economia blu in Italia ha prodotto beni e servizi per 41,5 miliardi di euro, (con un’incidenza sull’economia nazionale del 3%). Il settore ha attivato quasi 80 miliardi di valore aggiunto sul resto dell’economia.

L’ammontare produttivo complessivo è stato alla fine di 119 miliardi, pari all’8,5% del totale prodotto dall’intera economia nazionale.

La crisi senza fine dell’Italia emerge, però, ancora di più se confrontata con i dati degli altri Paesi europei e con l’intera Eurozona. Per esempio è tornato a crescere sia pure dello 0,1%, il Pil della Germania nel terzo trimestre, in linea con le stime degli analisti, dopo la battuta d’arresto (-0,1%) del trimestre precedente.

A trainare l’economia sono stati la spesa delle famiglie, «aumentata considerevolmente», e il commercio con l’estero. Secondo gli analisti, con questo dato Berlino ha solo evitato di cadere in recessione.

Spicca il dato della Francia, che ha registrato una crescita del Pil nel terzo trimestre dello 0,3%, sopra le attese che parlavano di un aumento limitato allo 0,1%.

Nel trimestre precedente, informa l’istituto di statistica Insee, l’economia aveva visto una discesa dello 0,1%.

A trainare la spesa sono stati i consumi delle famiglie (+0,2%) e quelli del pubblico (+0,5%).

Voto
Ti è stato utile?
[Media: 0]

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Trading online: guida al trading, consigli utili e corsi gratis per guadagnare con il trading online

Copyright © 2013 - 2017
Riproduzione Vietata faretradingonline.eu - Sito / blog dedicato al trading online

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com