martedì 11 luglio 2017
Home » Notizie economiche » Istat: aumenta occupazione, disoccupazione scende a 11,7%
Istat: aumenta occupazione, disoccupazione scende a 11,7%

Istat: aumenta occupazione, disoccupazione scende a 11,7%

Istat: aumenta occupazione, disoccupazione scende a 11,7%

Secondo dati ISTAT, in calo i senza lavoro nel 2016: record di occupati da sette anni.

È una buona notizia, non c’è che dire. I disoccupati nell’anno appena concluso sono scesi, soprattutto tra di over 50, ma anche tra i minori di 34 anni, sebbene sia la mancanza di lavoro tra più giovani la vera piaga nazionale.

ISTAT: nel 2016 occupazione aumentata di 293 mila unità sul 2015 (+1.3%)

Nel 2016, dunque, secondo l’Istat l’occupazione è aumentata di 293 mila unità sul 2015 (+1.3%).
Il tasso di disoccupazione di conseguenza scende dall’11,9% all’11,7%, cioè il livello più basso degli ultimi quattro anni, e i disoccupati nel complesso calano di 21 mila unità (0,7%).

Come detto, l’incidenza maggiore è tra i più anziani, tra chi ha più di 50 anni. Nel quarto trimestre 2016, in particolare, aumenta l’occupazione sia rispetto al trimestre precedente (+32 mila, +0,1%)) sia rispetto allo stesso periodo del 2015 (+252 mila, +1,1%) ma cresce anche il tasso di disoccupazione (all’11,9%, +0,2 punti sia rispetto al trimestre precedente sia su base tendenziale).

I disoccupati crescono sull’anno di 108.000 unità arrivando a quota 3.077.000 mentre gli occupati sono 22.827.000.
Nel 2016 la media degli occupati è stata di 22.758.000 e questo è il livello più alto dall’inizio della crisi economica, cioè dal 2009 quando gli occupati si attestarono a 22.699.000.
Positiva la reazione dei sindacati, seppure Susanna Camusso, leader della Cgil, noti che «sarebbe stato meglio spendere diversamente» le risorse per gli sgravi contributivi alle aziende.

Moderata soddisfazione ha mostrato Paolo Gentiloni impegnato a Bruxelles per il Consiglio europeo. «Dobbiamo essere obiettivi, ha detto il capo del governo, sui risultati che abbiamo ottenuto, in termini di passare dal segno meno a un 1% di crescita che è perfino più di quanto da noi previsto (…) Il lavoro è un problema ancora per noi cruciale. Però anche qui non posso non rimarcare che l’Istat oggi ha segnalato che, per quanto lavoro ancora si debba fare, ci sono dei passi avanti, sia in termini di aumento del numero degli occupati sia di riduzione della percentuale dei disoccupati».

«C’è da essere soddisfatti?», si è chesto retoricamente Gentiloni: «No, abbiamo un lavoro in corso che ha prodotto dei risultati e richiede tuttavia di essere proseguito, intensificato e certamente non disperso».
Messaggio neppure tanto indiretto a Matteo Renzi.

Voto
Ti è stato utile?
[Media: 0]

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Trading online: guida al trading, consigli utili e corsi gratis per guadagnare con il trading online

Copyright © 2013 - 2017
Riproduzione Vietata faretradingonline.eu - Sito / blog dedicato al trading online