giovedì 13 luglio 2017
Home » Notizie economiche » Grecia, Juncker vuole trovare l’accordo oggi
Grecia, Juncker vuole trovare l’accordo oggi

Grecia, Juncker vuole trovare l’accordo oggi

Grecia, Juncker vuole trovare l’accordo oggi

L’ultimo tentativo». Così il presidente della Commissione Ue, Jean Claude Juncker, ha definito le trattative di questo weekend tra la Grecia e i creditori.

In pratica, secondo l’agenzia Bloomberg che riporta le sue dichiarazioni o si trova un’intesa oggi o lo spettro Grexit diventerà molto più concreto.

Lo scopo è quello di arrivare con l’accordo praticamente fatto al 18 giugno, quando si riunirà l’Eurogruppo, ma Juncker sembra intenzionato a chiudere la vicenda «prima della riapertura dei mercati» di domani.

Dopo aver incontrato ieri a Bruxelles una delegazione di Tsipras, lo stesso Juncker ha parlato dell’uscita della Grecia dall’euro come qualcosa che avrebbe «conseguenze devastanti e Tsipras ne è consapevole ».

Ma il leader greco tiene la testa alta: «Se arriviamo ad un accordo sostenibile, anche alla luce di un compromesso difficile, noi ne sopporteremo il peso.

Il nostro obiettivo è uscire dalla crisi e dal memorandum di servitù».

Poi però aggiunge: «Ma se l’Europa vuole ancora divisioni e proseguimento della servitù, noi rifiuteremo».

E il ministro delle Finanze Varoufakis, con qualche numero alla mano, tenta di aiutare il suo premier nella trattativa, spaventando l’Eurogruppo: a suo parere il costo dell’uscita della Grecia «sarebbe di almeno mille miliardi di euro» per l’Europa.

Poi aggiunge: «Credo che nessun politico ragionevole voglia intraprendere quella strada e che la Merkel non abbia nemmeno iniziato a contemplare un’ipotesi simile».

In Italia però si inizia a parlare degli effetti che avrebbe Grexit sull’economia nazionale. «

Per noi sarebbe un disastro, afferma il presidente della Confindustria Giorgio Squinzi, particolarmente seccato dall’assenza dell’Italia dal vertice per discutere dei guai di Atene, soprattutto in un momento in cui abbiamo una serie di fattori esterni favorevoli, come il cambio con il dollaro, il costo del petrolio, il Quantitative Easing di Draghi e una sostanziale tenuta del commercio internazionale ».

E il presidente del Senato Pietro Grasso: «Auspico si trovi presto un accordo per evitare quest’uscita.

Chi ha fatto studi classici come me ha nel suo intimo la tradizione, la cultura, la storia della Grecia che noi riviviamo.

Per me è anche un fatto affettivo».

Voto
Ti è stato utile?
[Media: 0]

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Trading online: guida al trading, consigli utili e corsi gratis per guadagnare con il trading online

Copyright © 2013 - 2017
Riproduzione Vietata faretradingonline.eu - Sito / blog dedicato al trading online

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com