martedì 25 luglio 2017
Home » Notizie economiche » Fmi: Stime Pil di aprile in risalita: +0,5%
Fmi: Stime Pil di aprile in risalita: +0,5%

Fmi: Stime Pil di aprile in risalita: +0,5%

Fmi: Stime Pil di aprile in risalita: +0,5%

L’Fmi ci premia: il Pil su dell’1,3% Ripresa forte, più del previsto

Giornata di previsioni firmate dal Fondo monetario internazionale: le stime del Prodotto interno lordo salgono per la Cina (+6,7% nel 2017) e il Giappone (+1,3%) ma anche per la Russia, che uscirà dalla recessione.
Calano per gli Usa (dal 2,3% al 2,1%) perché «le politiche di bilancio saranno meno espansive di quanto immaginato precedentemente » – gli States sono destinati ad essere superati dal Canada – e per la Gran Bretagna (dove «l’impatto della Brexit resta incerto »).
E l’Italia? Il Pil crescerà quest’anno dell’1,3%, ovvero 0,5 punti percentuali in più rispetto alle previsioni di aprile.
Nel 2018 l’economia crescerà dell’1,0%, ovvero +0,2 punti percentuali rispetto alle stime precedenti.

Stime di aprile in risalita: +0,5% Gentiloni esulta: «Questa crescita abbatte il debito»

Anche se 4,7 milioni di persone vivono in povertà assoluta, come ha ricordato l’Istat a metà mese.
Restiamo, inoltre, fanalino di coda tra i Paesi del G7 (assieme al Giappone).

0,2% Il 2018 si annuncia migliore del previsto

Il Pil italiano, infatti, dovrebbe crescere dell’1%, ovvero +0,2 punti percentuali rispetto alle stime già emesse

Un Paese che migliora le previsioni può avere una legge di bilancio e un abbassamento del debito più significativi e importanti », commenta il premier Paolo Gentiloni, che ha anche spiegato: «Se per altri Paesi stiamo parlando di uno scalino che si sale, nel nostro caso facciamo qualche scalino in più. Ma non abbiamo risolto i problemi e non deprimeremo la ripresa».
Del resto, secondo l’Fmi, «la ripresa ciclica potrebbe rivelarsi più forte (all’1,9%, ndr) e duratura in Europa, dove i rischi politici sono diminuiti» e la domanda interna è aumentata più del previsto.
La ricetta dell’Fmi è comunque quella di proseguire con le riforme ed evitare politiche che alimentino il protezionismo.
«Nel lungo termine il non aumentare il potenziale di crescita e il non rendere la crescita più inclusiva potrebbero alimentare il protezionismo e ostacolare le riforme», afferma l’Fmi, sottolineando come il rischio sia quello di una produttività globale più modesta e di danni per le famiglie a basso reddito.
La Borsa di Milano approva: chiude a +0,59%, a 21.326 punti.
Piazza Affari risulta così il migliore listino europeo.

Voto
Ti è stato utile?
[Media: 0]

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Trading online: guida al trading, consigli utili e corsi gratis per guadagnare con il trading online

Copyright © 2013 - 2017
Riproduzione Vietata faretradingonline.eu - Sito / blog dedicato al trading online

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com