lunedì 10 luglio 2017
Home » Notizie economiche » Cerved: in una anno +14,3% di aziende fallite
Cerved: in una anno +14,3% di aziende fallite

Cerved: in una anno +14,3% di aziende fallite

Cerved: in una anno +14,3% di aziende fallite

Lo stupore, anzi il terrore, abita nella percentuale più che nel numero: nel secondo trimestre di questo anno sono fallite 4.241 aziende, +14,3% addirittura rispetto allo stesso periodo del 2013.

Pescando dalla banca dati del Cerved, società specializzata nell’analisi del rischio di credito, corre un brivido: nell’intero primo semestre i default hanno toccato quota 8.120 (+10,5%).

D’altra parte, dopo un inizio 2014 speranzoso, i dati economici ci incatenano alla crisi: fatturato, ordini, Pil, occupazione, tutto sembra fosco.

E adesso tocca ai fallimenti, impennati in ogni angolo della Penisola: per il Cerved tassi di crescita ovunque a doppia cifra, eccetto il Nord Est (+5,5%). Pare che la nuova recessione stia spingendo fuori dal mercato anche imprese che avevano superato la prima fase della crisi: si paga una domanda da troppo tempo stagnante.

E si sentono scricchiolii pure in Germania, in cui le ultime brutte notizie riguardano il manifatturiero, ai minimi da 15 mesi. Ma i dati sono negativi in tutto il continente e hanno affossato le Borse: a Milano -1,56%.

Anti-crisi

Nel diluvio di numeri col segno meno, ci si ferma pure all’indagine di Istat e Isfol sulle «professioni»: in questo ambito, dal 2008 al 2012 il numero di occupati è diminuito di oltre 500 mila unità.

A soffrire di più, artigiani e operai specializzati, che perdono 555 mila posti di lavoro.

Cresce quindi «l’esigenza di acquisire competenze», ma non ci sono troppe occasioni per farlo.

Quelle in età universitaria, però, andrebbero raccolte al volo: da ieri, ad esempio, sappiamo che l’Erasmus fa bene alla lingua e anche al lavoro.

La più importante indagine indipendente sul progetto di scambio studentesco è un manuale anti-crisi.

Chi ha studiato all’estero si difende meglio in questa bufera: per gli ex Erasmus il tasso di disoccupazione è più basso del 23% rispetto ai coetanei.

Voto
Ti è stato utile?
[Media: 0]

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Trading online: guida al trading, consigli utili e corsi gratis per guadagnare con il trading online

Copyright © 2013 - 2017
Riproduzione Vietata faretradingonline.eu - Sito / blog dedicato al trading online