lunedì 10 luglio 2017
Home » Notizie economiche » Brexit: Borse sembrano non avere dubbi, sarà Remain
Brexit: Borse sembrano non avere dubbi, sarà Remain
Brexit: Londra vota il 23 giugno, governo diviso

Brexit: Borse sembrano non avere dubbi, sarà Remain

Brexit: Borse sembrano non avere dubbi, sarà Remain

I sondaggi dicono «Remain» e i listini europei spiccano il volo, La Le Pen però vuole la Frexit

E’ stata una seduta strana, fatta di silenzi e commozione, quella di ieri per il Parlamento britannico, già in pausa estiva, riunito per ricordare Jo Cox, la deputata laburista uccisa il 16 giugno.

Il premier Cameron ha parlato di «unione contro l’odio», ma a due giorni dal referendum sulla Brexit, il concetto di unione si fa più largo e va a coincidere con quel «Remain» (restare) che la Cox invocava chiedendo il «no» all’uscita dalla Ue.

Mentre il suo assassino, il simpatizzante neonazista Thomas Mair, appare in videoconferenza nell’aula della Corte di Westminster, l’Europa si prepara al voto più atteso.

Così come per il referendum sull’indipendenza scozzese, non ci saranno exit poll. I primi risultati si avranno venerdì mattina e per allora Bruxelles ha già indetto una riunione straordinaria per correre ai ripari in caso di uscita. Il presidente del Consiglio europeo Tusk ha lanciato ieri un ultimo appello ai britannici («Senza di voi l’intera comunità occidentale diventerà più debole») e un sondaggio ha rilevato che il 54% degli europei è contrario alla Brexit.

Non Marine Le Pen, secondo cui «tutti i popoli devono poter votare sull’appartenenza all’Unione». La presidente del Front National vuole la “Frexit” e annuncia: «Se sarò presidente farò subito un referendum».
Ma sulla Gran Bretagna le Borse sembrano non avere dubbi: sarà «Remain».

I listini europei dopo gli ultimi sondaggi continuano a salire, la sterlina ha fatto un salto del 2%, registrando ieri la seduta migliore dal dicembre 2008.
Non sono però solo politici e economisti a temere l’uscita. Ieri alla dogana di ComoBrogeda è stato fermato un ingegnere greco che nascondeva nell’auto 300 mila sterline: «Ho paura della Brexit».

E pure in Premier League si trema.
Il numero uno del campionato inglese Richard Scudamore teme un ridimensionamento nazionalistico del torneo, con effetti disastrosi anche per i diritti tv: «Il nostro campionato è aperto a tutti. I club vogliono restare».

Voto
Ti è stato utile?
[Media: 0]

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Trading online: guida al trading, consigli utili e corsi gratis per guadagnare con il trading online

Copyright © 2013 - 2017
Riproduzione Vietata faretradingonline.eu - Sito / blog dedicato al trading online