venerdì 14 luglio 2017
Home » Investimenti e trading: le domande degli utenti » Nuova tassazione rendite finanziarie 1° luglio 2014: aumento dal 20 al 26%
Nuova tassazione rendite finanziarie 1° luglio 2014: aumento dal 20 al 26%

Nuova tassazione rendite finanziarie 1° luglio 2014: aumento dal 20 al 26%

Nuova tassazione rendite finanziarie 1° luglio 2014: aumento dal 20 al 26%

Più volte abbiamo parlato della nuova tassazione sulle rendite finanziarie entrata in vigore lo scorso 1° luglio 2014, (vedi articoli in basso), considerato che continuiamo a ricevere richieste ti chiarimenti, abbiamo deciso di stilare un aerticolo completo che chiarisca la questione con esempi concreti.

Il Decreto Legge n. 66/2014, convertito nella Legge n. 89/2014, introduce modifiche alla tassazione delle rendite finanziarie, prevedendo l’innalzamento dell’aliquota dall’attuale 20% al 26% a partire dal 1° luglio 2014.

INTERESSI SU CONTO CORRENTE, DEPOSITO DI RISPARMIO E LINEE VINCOLATE

L’aliquota del 26% si applica sugli interessi di conto corrente, deposito di risparmio e linee vincolate maturati dal 1° luglio 2014.

Sulle linee vincolate attivate prima del 01/07/14, con scadenza successiva a tale data, l’aliquota viene applicata secondo il principio di maturazione, ossia:

• vecchia aliquota del 20% sugli interessi maturati dalla data di costituzione del vincolo sino al 30/06/14;

• nuova aliquota del 26% sugli interessi maturati dal 01/07/14 sino alla data di scadenza del vincolo.

Pertanto, l’importo relativo agli interessi netti maturati sui vincoli attivati prima del 01/07/14, e con scadenza successiva a tale data, verrà rettificato.

INVESTIMENTI FINANZIARI, REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI

L’aliquota passa dal 20% al 26% su plusvalenze, dividendi, interessi, proventi derivanti da investimenti finanziari in: azioni, obbligazioni, fondi comuni di investimento, SICAV, ETF, ETC, covered warrant, derivati, pronti contro termine, prestito titoli.

L’aliquota resta al 12,5% sui titoli appartenenti alle c.d. “categorie privilegiate” (titoli di Stato italiani e quelli con regime equiparato, obbligazioni emesse da stati esteri se compresi nella c.d. “WhiteList” e da enti territoriali di questi ultimi, obbligazioni emesse da enti sovranazionali e titoli di risparmio per l’economia meridionale).

TITOLI OBBLIGAZIONARI

Tutti i titoli obbligazionari, non privilegiati, sono soggetti ad un conguaglio di interessi sui titoli posseduti al 30/06/14, in quanto la variazione dell’aliquota fiscale segue il criterio della maturazione.

Sul tuo conto corrente visualizzerai due movimenti (entrambi calcolati sul rateo maturato al 30/06/2014):

• addebito dell’imposta al 20%;

• accredito dell’imposta al 26%.

A partire dal 01/07/14 al primo evento fiscalmente rilevante (cedola, rimborso, vendita), verrà applicata l’aliquota fiscale del 26% sul totale.

DIVIDENDI

La nuova aliquota del 26% si applica ai dividendi incassati dal 01/07/2014 a prescindere dalla data di delibera dell’emittente.

PRONTI CONTRO TERMINE

Per i PcT con data pronti a partire dal 01/07/14 la tassazione passa dal 20% al 26%. Per i PcT con data pronti sino al 30/06/14 e con scadenza successiva verrà invece mantenuta la tassazione del 20%, purchè la durata dell’operazione non sia superiore a 365 giorni.

PRESTITO TITOLI

I proventi derivanti da prestito titoli saranno tassati al 26% dal 01/07/2014 ad eccezione di quanto derivante dalla cessione in prestito di titoli privilegiati che continueranno ad essere tassati al 12,5%.

FONDI E SICAV

Dal 01/07/14 i proventi realizzati in fondi comuni d’investimento e SICAV saranno tassati al 20% per la parte maturata fino al 30/06/14 e al 26% per la parte maturata dopo tale data. In presenza di titoli privilegiati nel portafoglio del fondo viene mantenuta la riduzione della base imponibile per tenere conto della minore tassazione applicata a questi strumenti.

Come si applica la nuova tassazione dal 01/07/14

Per i fondi e SICAV è prevista una procedura di affrancamento automatico” che consente in sede di rimborso, cessione o liquidazione delle quote, l’applicazione dell’aliquota del 26% sui proventi realizzati dopo il 01/07/14 e del 20% sui proventi realizzati dopo il 01/07/14 che sono riferiti a valori maturati fino al 30/06/14.

Alla data del 30/06/14 viene calcolato e costituito il c.d. “zainetto fiscale” come reddito di capitale da tassare al 20%, pari alla moltiplicazione delle quote possedute al 30/06/14 per il provento unitario alla medesima data (differenza tra il prezzo al 30/06/14 e il prezzo medio di carico).

ETF

Il regime fiscale degli ETF risulta modificato dal 1.7.2014, per effetto delle modifiche introdotte dal D.L 66/2014, convertito nella L. 89/2014, e dal D.Lgs.44/2014.

Nel regime precedente le modalità di determinazione dei redditi derivanti dagli strumenti in oggetto erano le seguenti:

reddito di capitale: rappresentato dalla differenza tra il NAV di vendita e il NAV di acquisto (c.d. delta NAV) e dai proventi periodici distribuiti;

reddito diverso: ottenuto sottraendo il delta NAV dalla differenza tra prezzo di vendita e prezzo di acquisto.

Dal 1.7.2014 il NAV non ha più rilevanza fiscale pertanto:

• il reddito di capitale è pari alla differenza tra il prezzo di vendita e il costo di acquisto, escluse le eventuali commissioni bancarie per l’operazione; l’eventuale differenza negativa è considerata minusvalenza;

• il reddito diverso è costituito dalle sole commissioni bancarie oltre all’eventuale differenza negativa sopra indicata.

L’art. 3 del DL n. 66/2014, convertito nella Legge n. 89 del 23/06/14, che ha aumentato l’aliquota di tassazione delle rendite finanziarie dal 20% al 26% a partire al 01/07/2014, ha previsto uno specifico regime transitorio per gli OICR (compresi quindi gli ETF), sulla base del quale i proventi realizzati a decorrere dal 1 Luglio 2014 (data di regolamento), in sede di cessione degli strumenti in oggetto, saranno tassati nella misura del 20% se riferibili ad importi maturati fino al 30 giugno 2014, altrimenti subiranno la ritenuta del 26%. In presenza di titoli privilegiati nel portafoglio degli ETF viene mantenuta la riduzione della base imponibile per tenere conto della minore tassazione applicata a questi strumenti.

I proventi periodici distribuiti dagli ETF continuano a rientrare nei “redditi di capitale” e sono tassati al 20% se incassati fino al 30/06/14 e al 26% se incassati dal 01/07/2014.

Come si applica la nuova tassazione dal 01/07/14

L’applicazione della ritenuta del 20% o del 26% sul reddito di capitale realizzato dal 1.7.2014 e maturato, rispettivamente, prima o dopo tale data si realizza con il calcolo del c.d. “zainetto fiscale”.

Lo “zainetto fiscale” è costituito dal reddito di capitale maturato al 30.6.2014 ed è pari alla moltiplicazione delle quote possedute a tale data per il provento unitario alla medesima data (differenza tra il prezzo di mercato al 30 giugno 2014 ovvero l’ultimo valore di mercato disponibile e il costo medio ponderato di acquisto).

Come precisato dalla Circolare 18/e/2014 dell’Agenzia delle Entrate, lo zainetto si azzera:

• in quanto riassorbito dai proventi realizzati dopo il 01/07/14;

• con il disinvestimento totale delle quote possedute al 30/06/14.

A questi fini si applica il criterio FIFO (ossia si considerano cedute per prime le quote detenute alla data del 30/06/14): si applica l’aliquota del 20% sulla quota di provento che trova capienza nello “zainetto”, mentre la quota eccedente verrà tassata al 26%.

ESEMPI DI CALCOLO

Rilevamento situazione fiscale delle quote di ETF al 30 giugno 2014
N. quote possedute al 30/06/14100
Costo medio ponderato d’acquisto€ 15
Valore al 30 giugno 2014€ 20
Reddito di capitale maturato (Zainetto)€ 500

ESEMPIO 1

N. quote vendute dopo il 30/06/1480
Prezzo di vendita unitario€ 25
Ricavo€ 2.000
Costo d’acquisto (80 quote x €15 costo medio ponderato d’acquisto)€ 1.200
Reddito di capitale realizzato€ 800
La ritenuta applicata ai primi € 500 sarà al 20%, mentre a € 300 si applicherà la ritenuta del 26%. Lo zainetto di € 500 si è totalmente esaurito anche se rimangono 20 quote acquistate prima del 01/07/14.

ESEMPIO 2

N. quote acquistate dopo il 1/07/1430
Prezzo d’acquisto unitario€ 10
N. totale quote in portafoglio130
Nuovo costo medio ponderato d’acquisto [(100x€15) + (30x€10)/130 quote]€ 13,84
Quantità vendute il 01/08/1470
Prezzo di vendita unitario€ 20
Ricavo€ 1.400
Costo d’acquisto (70 quote x €13 ,84 costo medio ponderato d’acquisto)€ 969
Reddito di capitale€ 431
L’importo di € 431 verrà integralmente tassato al 20%. Il residuo rimasto nello zainetto di € 69 (500-431) potrà essere utilizzato per operazioni successive in quanto rimangono 30 quote acquistate prima del 1/07/14.

Titoli e cedole, tassa a maturazione: aumento dell’aliquota di tassazione al 26%

Affrancamento per le non quotate: incremento tassazione 1° luglio 2014

Dividendi francesi: obblighi con nuova imposta del 26%

Voto
Ti è stato utile?
[Media: 0]
Nuova tassazione rendite finanziarie 1° luglio 2014: aumento dal 20 al 26% Più volte abbiamo parlato della nuova tassazione sulle rendite finanziarie entrata in vigore lo scorso 1° luglio 2014, (vedi articoli in basso), considerato che continuiamo a ricevere richieste ti chiarimenti, abbiamo deciso di stilare un aerticolo completo che chiarisca la questione con esempi concreti. Il Decreto Legge n. 66/2014, convertito nella Legge n. 89/2014, introduce modifiche alla tassazione delle rendite finanziarie, prevedendo l’innalzamento dell’aliquota dall’attuale 20% al 26% a partire dal 1° luglio 2014. INTERESSI SU CONTO CORRENTE, DEPOSITO DI RISPARMIO E LINEE VINCOLATE L’aliquota del 26% si…

Valutazione

Voto medio

Voto articolo

Trovi l'articolo utile? Dai un voto, grazie!!!

Voto utenti: 4.5 ( 1 voti)
100

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*

Trading online: guida al trading, consigli utili e corsi gratis per guadagnare con il trading online

Copyright © 2013 - 2017
Riproduzione Vietata faretradingonline.eu - Sito / blog dedicato al trading online

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com